Woodchuck al top nel Repubblica. Sammarco, Mr Darcy, Noble Title e Korisa. Il report

Il Repubblica G3, sui 1800 metri, ha rivelato il nome di un cavallo dalle potenzialità in completa ascesa. Il suo nome è Woodchuck (Birchwood) che ha dimostrato di vivere uno straordinario momento di forma, culminata con questa vittoria convincente, risolta con un bel cambio di marcia dopo corsa frizzante imbastita in avanti da Aggenstein (Amaron) assecondato da Bukhara (Isfahan). Woodchuck, castrone di 4 anni, si è allungato di una lunghezza e mezza lasciando al secondo posto See Hector (Counterattack), ancora un piazzamento nel Repubblica, con al terzo una incredibile Estrosa (Sioux Nation) che ha fatto la corsa della vita replicando la forma del Signorino, regalando una gioia al Mister Massimiliano Allegri che ha vissuto una settimana complessa ma comunque culminata con la vittoria della Coppa Italia, un piazzamento nel Repubblica e, ne parleremo più sotto, con la vittoria di Mr Darcy nello Sbarigia.

Woodchuck ha regalato la prima vittoria di Gruppo al giovane Nicolas Bellanger e al suo proprietario David Dromard, al primo cavallo di proprietà e con Simon Planque in sella, altissimo ma talentuoso jockey francese. Di recente era giunto quarto nel Prix Jacques Laffitte di Parislongchamp (secondo era Skalleti, vincitore lo scorso anno di Repubblica), ed ha grandi margini di miglioramento. Lo seguiremo nella sua carriera francese. La nota stonata della corsa è stato l’infortunio di Tempesti, terminato ultimo rallentato. Da capire l’entità, ma speriamo non sia un lungo stop per un campioncino che ci ha fatto sognare.

Woodchuck

LA SUCCESSIONE DI FOLGARIA: Il pomeriggio era stato aperto dal Premio Alessandro Perrone Listed e la vittoria è andata, 18 giorni dopo il debutto convincente, a Korisa (Kodiac), allenata e di proprietà di Sebastiano Guerrieri, che ha risolto con ampie folate dall’interno con Dario Vargiu in sella e lasciando al secondo posto nei confronti dell’altra inviata siciliana Monster’s Ball (Invincible Army), e con al terzo posto l’interessante e progredita Anthaia (Ribchester). Questa corsa lo scorso anno ha lanciato Folgaria verso l’olimpo. La vincitrice, allevata dal Tally-Ho Stud, fu acquistata per £45,000 alle Goffs UK Premier Sale da Marco Bozzi Bloodstock.

Korisa nel Perrone

DALLE VENDERE ALLA LISTED: Una delle storie più belle di questo Derby Day riguarda il 3 anni Mr Darcy (Fa Ul Sciur), reduce da una delusione nel Premio Parioli, ma ancora in forma e con energie nelle gambe, è stato capace di vincere il Premio Mauro Sbarigia regalando una gioia a Max Allegri dopo una settimana complessa. Il Mister, che ha seguito il pomeriggio da casa, ha esultato togliendosi una bella soddisfazione grazie ad un cavallo che ha una storia tutta particolare. Inizialmente di proprietà di Stefano Botti, fu venduto dopo una vittoria a vendere a Iacopo Bindi e, dopo un’altra vittoria nella stessa tipologia di corsa, è stato rilevato da Endo Botti e Cristiana Brivio per conto del Mister che si è ritrovato tra le mani un gioiellino. Con in sella Mickael Barzalona, il giubbato amaranto ha lasciato a debita distanza River Spot (Havana Grey) e Diomede (Arcano), giunto terzo. Mr Darcy, già piazzato di Premio Pisa, è primo stakes winner per lo stallone Fa Ul Sciur (Farhh), che nella prima annata di produzione aveva una dozzina di figli. La mamma Super Dukessa (Duke Of Marmalade) aveva già prodotto Super Drago (Full Drago).

Mr Darcy vince lo Sbarigia

TITOLO NOBILIARE: Nel Tudini la vittoria è andata a Noble Title (Siyouni), prima affermazione per Cristian Demuro in giornata, e seconda Listed per il cavallo di Stefano Botti. Il 4 anni ha battuto la fortissima siciliana Zahir Zulema (Cotai Glory) con al terzo Tawang (Zelzal), in una corsa bellissima dal punto di vista agonistico e sportivo. Sfortuna per Talentuosa (Samysilver), partita male ed autrice di clamoroso recupero che però non le ha permesso di entrare nei premi e nella lotta per la vittoria. Sarebbe stata un’altra bellissima sfida tra cavalli che ci stanno appassionando nei loro continui duelli.

Noble Title vince la sua seconda Listed nel Tudini

SAMMARCO RITROVATO: Nel Carlo D’Alessio la vittoria è andata al Derbywinner tedesco Sammarco (Camelot), reduce da un pessimo rientro in patria, che ha usato tutta la retta di Capannelle per venire a capo di un Goldenas (Golden Horn) ritrovato e tostissimo, capace di andare in lunga progressione dalla cima della dirittura. Il tedesco, con in sella Bauyrzhan Murzabayev, allenato da Peter Schiergen, e di proprietà del Gestüt Park Wiedingen. Terzo Flag’s Up (War Command).

Sammarco batte Goldenas in lotta
By Gabriele Candi

Related Posts