Verso il Prix de Diane, speranza Ale Botti e Carlo Ancelotti per Gala Real: “Qualcosa di raro”

Il ritmo del calendario internazionale non conosce sosta e da qui in avanti a livello internazionale ci sono corse imperdibili. Domenica a Chantilly va in scena il Prix de Diane G1, le Oaks francesi, sulla distanza dei 2100 metri sponsorizzata da Longines e con €1 milione di dotazione. Per noi italiani l’attenzione è amplificata dalla presenza di Gala Real (Wootton Bassett), di proprietà tra gli altri anche di Carlo Ancelotti e allenata da Alessandro Botti.

All’ultimo giro di forfait, nella giornata di lunedì, sono rimaste in 19 e qui sotto pubblichiamo quelle che sono ancora dentro in attesa di eventuali supplementazioni nella giornata di giovedì e poi la dichiarazione dei partenti di venerdì con monte e steccati.

INGLESI e IRLANDESI FAVORITE: Tra le rimaste c’è anche la favorita Tamfana (Soldier Hollow), di proprietà di Quantum Leap Racing Viii & Friends ed allenata in Inghilterra dal “francese” di Newmarket David Menuisier, molto sfortunata nel quarto posto delle 1000 Ghinee di Newmarket con epilogo già visto in varie occasioni con una monta un pò troppo attendista da parte di Jamie Spencer. Tra le quasi certe della presenza c’è anche Dance Sequence (Dubawi), seconda nelle Oaks di Epsom per Godolphin, ed allenata da Charlie Appleby. Molto credito al betting lo ha anche Halfday (Lope De Vega), allenata da Laffon Parias per i colori Wertheimer, vincitrice di Prix Cleopatre G3 di Saint-Cloud dove si è messa alle spalle anche quella War Chimes, poi piazzata di Oaks di Epsom. Dall’Inghilterra i Gosden hanno lasciato dentro Regal Jubilee (Frankel) ma nessuna decisione è stata ancora presa. Aidan O’Brien dall’Irlanda dovrebbe inviare Everlasting (Kingman) e Content (Galileo). David Simcock potrebbe correre con Lunar Eclipse (Night Of Thunder), recentemente quinta a Newmarket ad inizio Maggio.

LE ALTRE POSSIBILI: In ballo c’è anche Fun With Flags (Zoffany), ieri acquistata per €630.000 alle Online June Pop-Up Sale di Arqana, e proveniente da Calas, a Marsiglia, dove Jerome Renyer però non sembra propenso ad inserirla perchè acquistata da americani ed in lizza per le Belmont Oaks, e non per Chantilly. Dal sud della Francia Patrice Cottier deve decidere per Sparkling Plenty (Kingman), piazzata nel Sandringham.. Mentre delle altre gli allenatori di Chantilly rappresentati sono Francis-Henri Graffard (Candala e Paraiba), Nicolas Clément (Survie), André Fabre (Rock’N Swing), Laura Vanska (Birthe), Gavin Hernon (Dare to Dream), Alessandro Botti (Gala Real), Fabrice Chappet (Bubble Gum), Tim Donworth (L’Equilibriste), Christophe Ferland (Aventure) e appunto Carlos Laffon-Parias (Halfday).

GALA REAL POUR LES ITALIENS: Ovviamente ci sarà Gala Real, negli antepost è a 15/1, e Alessandro Botti ha parlato alle colonne del Paris Turf raccontando il suo momento definendola “Qualcosa di raro”. Lunedì infatti Gala Real ha sostenuto un lavoro di mantenimento con in sella Christophe Soumillon al quale avrebbe reagito con un “Parfaite”. Si trattava solo di un mantenimento perchè il lavoro serio l’ha sostenuto la settimana scorsa. Alessandro ha parlato anche di come ha conosciuto Carlo Ancelotti: “Sono appassionato di calcio e non mi sono mai quasi perso una partita a San Siro. Ho avuto rapporti con Gianluca Pessotto, “Deki” Stankovic, il portiere Astutillo Malgioglio, che amano tutti le corse dei cavalli. Quando seppi che Carlo Ancelotti avrebbe allenato il Paris Saint-Germain nel 2011, contattai un amico, Carlo Pellegatti, giornalista sportivo italiano e proprietario di cavalli, per chiedergli di mettermi in contatto con lui. Lui rise, prima di darmi i suoi numeri di telefono. Gli ho mandato un sms al quale mi ha risposto che mi avrebbe ricontattato. Un giorno ero sulle piste di allenamento e mi è squillato il telefono. La persona mi chiede dove mi trovo, dicendogli che sono sul percorso di allenamento prima di rivelarmi la sua identità. Era Carlo Ancelotti che mi aspettava in scuderia. È venuto con il suo preparatore atletico, Giovanni Mauro, che conosce bene il mondo delle corse, senza nemmeno avvisarmi. I due amici uniscono le forze per creare una squadra sotto l’insegna della Scuderia Dei Duepi. L’avventura è iniziata nel 2012 con un puledro di 2 anni di nome Avanzini e poi hanno investito di più nel tempo. Alleno anche i cavalli di Massimiliano Allegri, ex allenatore della Juventus, e del centrocampista Javier Pastore, che ho conosciuto anche lui ai tempi del PSG”.

Nei prossimi giorni altri dettagli.

Le rimaste al Prix de Diane 2024

By Gabriele Candi

Related Posts