USA: Dornoch vince le Belmont Stakes. Esulta il campione di baseball Jayson Werth. Numeri top

L’America è in grado di produrre dei numeri straordinari sia dal punto di vista organizzativo che di Betting. Siamo giunti all’ultimo atto della Triple Crown americana, quest’anno “spezzata” nell’ultimo tratto causa indisponibilità del tracciato di Belmont Park che è in fase di ristrutturazione per farsi ancora più bello per gli anni avvenire. Così, ad ospitare la kermesse, fatta di 14 corse e 6 corse di Grade 1, è stato il gioiellino di Saratoga che ha proposto un convegno che ha avuto successo sotto tutti i punti di vista. I vari comunicati stampa parlano di un movimento totale su tutte le piattaforme, in relazione alle 156^ Belmont Stakes presented by NYRA Bets G1, di $125,748,941, in aumento del 6.3% rispetto al precedente riferimento di $118,283,455, che era stato piazzato nel 2023. Sul campo presenze numericamente quantificabili in 50.000 persone, ma quello del pubblico non è mai praticamente un problema negli States.

Dornoch vince le Belmont Stakes a Saratoga. Ph: Samanta Decker

Come accaduto per le altre due prove della triple crown, anche in questa è arrivata una sorpresa. A vincere sui 2000 metri (anche la distanza è stata ridotta per necessità), è stato Dornoch (Good Magic) a 17/1, che ha battuto Mindframe (Constitution) e Sierra Leone (Gun Runner), il favorito per il Coolmore, che era arrivato secondo nel Kentucky Derby G1 e aveva saltato le Preakness Stakes G1. Solo ottavo, e servito sul carrello dei bolliti, Mystik Dan (Goldencents) che aveva vinto a Churchill Downs ma non ha saltato un giro della triplice, ritrovandosi cotto all’epilogo. Male anche l’altro atteso Seize The Grey (Arrogate). Dornoch, il vincitore, aveva subito in varie occasioni Seize The Grey, Sierra Leone e nel Kentucky Derby era arrivato a 18 lunghezze da Mistik Dan. 

PUCA FATTRICE MAGICA: Anche in questo caso raccontiamo la storia di questo cavallo: Dornoch è un figlio di Good Magic (Curling), stallone residente alla Hill’n’Dale Farm per $125.000. Pagato $325.000 alle Keeneland di Settembre, è allenato da Denny Gargan, montato da Luis Saez, dal punto di vista genealogico fratello di quel Mage (Good Magic) che lo scorso anno vinse proprio il Kentucky Derby. Che soddisfazione per la fattrice Puca (Big Brown). 

JAYSON WERTH UN GRIDO PER L’IPPICA: Dornoch è di proprietà di un piccolo sindacato formato da West Paces Racing, R. A. Hill Stable, Belmar Racing and Breeding, Two Eight Racing, and Pine Racing Stables e di cui fa parte anche il campione di baseball Jayson Werth che ha commentato così la vittoria: “”Le corse dei cavalli sono lo sport più sottovalutato al mondo, nessuno escluso… Questo è il meglio che c’è nelle corse dei cavalli; questo è il meglio che c’è nello sport”. 

Jayson Werth è un campione di baseball americano

Il meglio del pomeriggio lo raccontiamo in pillole: Nel Resorts World Casino Manhattan Stakes G1 per anziani in erba, doppio per Godolphin che ha piazzato ai primi due posti Measured Time (Frankel), vincitore a Meydan del Jebel Hatta G1 e in Marzo quarto di Dubai Turf G1 alle spalle di Facteur Cheval, che con in sella William Buick ha battuto Nations Pride (Teofilo) che aveva in sella Frankie Dettori. 

Nel Hill ‘N’ Dale Metropolitan Handicap ritorno alla vittoria per National Treasure (Quality Road), che avevamo conosciuto per la vittoria nella Pegasus World Cup G1 di fine Gennaio, e che era giunto quarto nella Saudi Cup G1 di Senor Buscador. Bene, il 4 anni da Bob Baffert ha strapazzato la concorrenza vincendo di 7 e battendo Post Time (Frosted) per il secondo. Male White Abarrio (Race Day), che ci aveva fatto sognare.

 Da segnalare, ma lo abbiamo già fatto tempestivamente sulla nostra pagina Facebook (cercala, Italian Post Racing), dove pubblichiamo gli aggiornamenti più urgenti ed immediati, la bandiera italiana ha sventolato nelle Just A Game Stakes G1 di venerdì per femmine anziane, dove a vincere è stata Chili Flag (Cityscape), ex francese di carriera ma allevata da Cesare Cava e la Finanza Locale Consulting, che dopo il trasferimento agli ordini di Chad Brown ha piazzato vittorie in G3, G2 ed ora anche in G1. 

By Gabriele Candi

Related Posts