Stefano Botti, le pedine del lungo weekend. C’è Master

Continuano ad arrivare adesioni per il lungo weekend di passione che ci aspetta tra San Siro (sabato 30 Marzo), Capannelle (lunedì di Pasquetta, il 1° Aprile) e, con un retropensiero distante, anche al Premio Pisa di San Rossore del 7 Aprile prossimo. Quelle di cui parliamo riguardano lo squadrone di Stefano Botti, di base a Cenaia.

Sabato, appunto, 4 trials belli e buoni a Milano con Gardone, Seregno Lr, Alberto Chantre e Guido Clerici che sono considerati test, lo ribadiamo, rispettivamente per Parioli, Elena (il 28 Aprile), Oaks (9 Giugno) e Derby (19 Maggio). Stefano Botti, 49 scudetti per la famigliona, cerca lo stellone nel 2024 passando anche attraverso singole candidature importanti. Le pedine di Cenaia potrebbero essere mosse in questo modo nel weekend, in attesa della dichiarazione ufficiale dei partenti.

Sabato, si sa, tornerà in pista Master (Territories) che ha terminato il 2023 con la vittoria nel Premio Guido Berardelli G3 di Roma sui 1800 all’ottava uscita in carriera, condita comunque da 4 vittorie. Il Berardelli per ora non ha avuto delle conferme altissime anche in chiave internazionale, ma è ovvio che tutti i protagonisti della stagione scorsa possono aver fatto il famoso passaggio d’età che potrebbe consentire di sognare in grande.

Per il cavallo della Blueberry però, per ora, l’opzione principale resta quella del Gardone sul miglio per capire la reale attitudine in vista di eventuali percorsi da sostenere più avanti. Avrà in sella Dario Vargiu che lo aveva già interpretato nella vittoria di Roma. C’è da dire che in questo 2024 i veri valori non si sono ancora sviluppati del tutto, e quindi è necessario testare la forma proprio in occasione di questi trials. Insieme a Master nel Gardone ci sarà anche Barno (Arcano), vincitore del Premio Optional a Capannelle, ora obbligato ad alzare l’asticella per capire le reali potenzialità. Il cavallo dei signori Pitzeri-Mascia avrà in sella Fabio Branca.

Le altre pedine di Cenaia che vi possiamo indicare faranno il percorso adeguato sabato sono Caos Calmo (Affaire Solitaire) per i colori di Stefano Botti stesso, e Sun Never Sets (Karakontie) che alla prima per Max Allegri in Italia ha subito vinto sul miglio a Capannelle. Per il maschio, reduce da due vittorie consecutive a livello di maiden ed handicap, il test sarà quello del Clerici sui 2000 metri in pista grande per un primo approccio lungo la strada verso il 19 Maggio. Mentre la femmina del Mister della Juventus tenterà il salto ai 2000 metri dello Chantre, verso le Oaks. Dato il grande ingorgo delle femmine sul miglio, la 3 anni ex di Joseph O’Brien proverà subito ad allungare la gittata verso il doppio chilometro.

Ricordiamo, come anticipato in QUESTO ARTICOLO, che a Roma rivedremo Melfi (Kessaar) nel Premio Daumier nella giornata di lunedì.

By Gabriele Candi

Related Posts