Speciale Derby: Botticelli vs Emanuele Filiberto

Questo pezzo non si riferisce a chi sia meglio tra Emanuele Filiberto (Filibert De Savoie), vincitore del 47° Derby Reale di galoppo e il Dormelliano Botticelli (Blue Peter) vincitore del Nastro Azzurro del 1954, ma riguarda la storia dei trial più importanti verso la corsa del 19 maggio.

PREMIO EMANUELE FILIBERTO

Il premio Emanuele Filiberto è stata anche corsa di Gruppo 3 fino al 1993 vinto da Johnny Stecchino (Secreto) e poi Listed Race fino al declassamento di quest’anno a Super Condizionata vinta dal tedesco Borna (Saxon Warrior) che sarà uno dei protagonisti dell’edizione 2024 del Derby. Borna è un figlio di Kingdome Come (King’s Best) famiglia con molto fondo e valutato in Germania con 89.5 di GAG, parametrato con 111 di IPR. Nel suo rientro milanese lo abbiamo valutato con 110 IPR con il + dell’impressione visiva e se prendiamo per buono il GAG di 87.5 di Ghorgan, terzo di Parioli a più di 3 lunghezze da Melfi (114 IPR), il Rating di Borna potrebbe essere “aggiustato” fino a 115 sulla linea del Gran Criterium e quindi con un probabile 93.5 di GAG finale. Per un confronto equo e di completezza di dati tra le due prove di preparazione al Nastro Azzurro partiamo dal 1988, e quindi negli ultimi 35 anni, dove il vincitore del trial di San Siro ha poi bissato alle Capannelle per cinque volte, con Osorio (Surumu), Cima De Triomphe (Galileo), Dylan Mouth (Dylan Thomas), Mac Mahon (Ramonti) e Summer Festival (Poet’s Voice).

PREMIO BOTTICELLI

Al contrario della corsa gemella milanese, il Botticelli ha resistito alla mannaia del comitato Pattern rimanendo con lo status di Listed Race vinta quest’anno da Dark Defence (National Defense). Il pupillo di Pierantonio Convertino, senza l’ausilio dei paraocchi, ha ribaltato la linea del Premio Brigadier Gerard con Chicotai (Cotai Glory) candidandosi a un ruolo di primo attore nel Nastro Azzuro 2024. Se controllate l’albo d’oro con tutti i dati delle corse nella pagina dedicata vi accorgerete che il tempo record del Botticelli (sui 2100 metri della pista grande) risulta essere di Baptism (Sea The Stars) nell’edizione 2020 con 2.06.13. In realtà lo abbiamo ripreso manualmente ed è superiore di circa un secondo e mezzo sul tempo ufficiale e quindi il riferimento cronometrico migliore nella Listed capitolina passa a Dark Defence con il suo ottimo 2.06.5 che rafforza prepotentemente la sua candidatura nella classica. Il Racing Post ha valutato con 95 RPR la vittoria del figlio di Dark Ray (Dark Angel) all’incirca 3 libbre inferiore della nostra. Per il confronto dal 1988 con il premio Emanuele Filiberto, i vincitori di Botticelli che successivamente hanno bissato nel Derby sono stati Tisserand (Nadjar), Rakti (Polish Precedent), Biz The Nurse (Oratorio) e Goldstream (Martino Alonso) fissando il punteggio sul 5 a 4 a favore della prova milanese ai quali vanno aggiunti però il terzo posto di Awelmarduk (Almutawakel) nel Filiberto e il secondo di Groom Tesse (Groom Dancer) nel Botticelli. La differenza rimane dunque immutata ma per chi ha seguito Borna e Dark Defence c’è un riferimento storico in più per sovvertire la linea.  

By Perizio

Related Posts