San Siro: Amabile, rientro ok. Ora gli obiettivi stagionali

Amabile (Caravaggio) ha risposto presente alla ricomparsa stagionale, nel Premio intitolato a Vietti Violi (condizionata sul miglio) che, tra gli altri, ha progettato gli ippodromi di San Siro, Capannelle e Merano in Italia.

Amabile, dicevamo, giò vincitore del Premio Pisa Listed lo scorso anno e al rientro dopo il nulla di fatto nel Ribot G3, è stato capace di una risalita dal fondo del gruppo dopo una frizzante andatura imbastita in avanti da Arabian Legend ed Emperor Of Love che non si sono certo risparmiati, calando vistosamente in fondo e lasciando strada al grigio montato da Dario Vargiu che nell’immediato post gara ha subito dichiarato: “L’ho sentito bene, lui a volte è un pò pigro ma quando gli ho chiesto qualcosa in più ha reagito e piano piano ha risposto prendendo il ritmoo, poi con l’andatura che stavano facendo quelli davanti ero praticamente certo di prenderli”.

Amabile foto credit De Nardin

Amabile è un 4 anni figlio di Churchill (Galileo) e Loritania, homebred della Scuderia Incolinx, allenato da Stefano Botti. Era alla terza affermazione in carriera.

Il grigio dunque adesso proseguirà per la strada del miglio e dintorni. Il Premio Bereguardo ed il Premio Vittadini sono due opzioni percorribili.

Menzione a parte per Mangiafuoco che ha dato vita ad intemperanze già prima della corsa, rimanendo poi nelle gabbie di partenza al momento dello start. Era il favorito, ha preferito correre a Milano anzichè a Roma. Ovvio va rivisto.

By Redazione

Related Posts