Royal Ascot final day: Pronostici, Tips e grafici di tendenza

2.30 CHESHAM STAKES (LISTED RACE) 2YO METRI 1400 PISTA DRITTA

Si dice che se un Coolmore vince le Chesham sia il nuovo favorito estivo delle prossime 2000 Guineas. Quest’anno non sarà così perché padre Aidan, per l’edizione 2024, ha scelto la femmina Bedtime Story e la favorita estiva delle 1000 Guineas l’abbiamo vista ieri nelle Albany. La quota di questa nata nella porpora (Frankel su Mecca’s Angel) ci sembra un filo bassa vs i maschi nonostante il numero nell’esordio di Leopardstown dove Ryan però scelse Giselle.

Nella nostra agendina abbiamo il nome di PENTLE BAY dopo il debutto vincente su pista abbastanza dura per un 2yo come Leicester. Praticamente è stato cancellato al via ma alla fine la risolve dando l’idea che il furlong in più non può fargli altro che bene. Non lo monta Jamie Spencer come all’esordio ma è stata scelta la monta energica di Tom Marquand che potrebbe essere l’ideale. E’ stato acquistato per 400.000 euro lunedì.
Visto e preso

Verdict: PENTLE BAY e/w (8/1)

3.05 HARDWICKE STAKES (GRUPPO 2) 4YO+ METRI 2400

Giustamente favorito il vincitore classico Continuos che rientra dall’Arc De Triomphe e se già pronto potrebbe essere duro da battere per tutti, quindi il consiglio è di controllare costantemente il betting. Secondo noi è anche una prova del gruppo Coolmore per testare se il figlio di Heart’s Cry sia da King George prima di virare definitivamente su Auguste Rodin. Le Hardwicke sono sempre stata una corsa testing per il Gr1 del 27 luglio e visto che City Of Troy pare destinato alle Eclipse questa potrebbe essere un idea. Vincere le Hardwicke al rientro non è semplice ma nelle ultime tre edizioni ci sono già riusciti sia Pyledriver che la femmina Wonderful Tonight. La valida alternativa è Middle Earth che dopo il rientro vincente nelle Aston Park si parlava di un potenziale cavallo da Melbourne Cup. Il favorito plebiscitario nelle Aston Park era invece la nostra scelta DESERT HERO.

Come scritto ieri, William Haggas è un trainer da seguire più nei meeting di Goodwood o York ma se lo ripresenta nelle Hardwicke dopo la debacle di Newbury un motivo ci sarà. Forse non digerisce proprio la pista piatta a mano sinistra (ci aveva già corso e male) o forse perché la genealogia chiama questa corsa visto che è della stessa famiglia di Dartmouth vincitore di Hardwicke 2016.
We can be heroes just for one day

Verdict: DESERT HERO e/w (8/1)
Lucky stall: Desert Hero e Middle Earth
Horse trends: Continuous

3.45 QUEEN ELIZABETH II JUBILEE STAKES (GRUPPO 1) 4YO+ METRI 1200

La pioggia attesa non è arrivata e il terreno ha costretto al ritiro Kinross e così il favorito al betting è passato Mill Stream dopo la vittoria nelle Duke Of York, una corsa che negli ultimi 30 anni ha dato successivamente ben 11 vincitori di Jubilee Stakes. La linea delle Duke Of York però sembra portare dalle parti di Mibtaahy, vincitore delle Greenlands al Curragh con una monta tipica alla Jamie Spencer che lo scorso anno aveva vinto a 80/1 con Khaadeem.

Noi abbiamo un idea strana visto che potrebbe essere una corsa molto più equilibrata del previsto, nella nostra agenda ci era finito THE WIZARD OF EYE dopo la bella vittoria al rientro post castrazione nella Victoria Cup con la dicitura “potrebbe essere un cavallo da Wokingham” come in passato già successo a Cape Byron. Charlie Fellowes non fa il percorso più semplice e sensato visto il rating di 102 ma va in caccia grossa nel Gr1 ingaggiando anche Ryan Moore. Sono tutti elementi che certificano una grande fiducia.
Eyecatcher

Verdict: THE WIZARD OF EYE e/w (10/1)
Lucky stall: Swingalong
Horse trends: Swingalong

4.25 JERSEY STAKES (GRUPPO 3) 3YO METRI 1400 PISTA DRITTA

Non è che stiamo troppo a parlare delle Jersey perché alla fine c’è il nostro cavallo banker del meeting ovvero RIVER TIBER perché, nonostante i soliti e tanti partenti nelle Jersey, reputiamo perfetti i 7furlong di Ascot. Però non pensavamo di vedere nella card Haatem che lo ha già preceduto al Curragh e che doveva correre le St James’s. Togliamo la denominazione di banker ma la preferenza rimane.
Pe’ il lungo Tevere

Verdict: RIVER TIBER to win 7/4

5.05 WOKINGHAM STAKES (HERITAGE HANDICAP) 3YO+ METRI 1200 PISTA DRITTA

Visto che il nostro cavallo per questa corsa ha scelto un altra strada non abbiamo un idea ben precisa. Però ci piace un cavallo che fino ad oggi ha fatto una carriera stranissima: TORIVEGA.

Dopo il debutto nel 2022 è rientrato dopo 225 giorni in una maiden a Leopardstown e appena due settimane dopo ha pensato bene di finire la qualifica nel Lacken Gr3 contro The Antarctic e compagnia cantante. Magari era per finire una qualifica veloce mirando un hcp ma invece continua sulla strada di corse apparentemente non alla portata facendosi tutto il meeting di Deauville, prima nelle Kisten LR e una settimana dopo, per non farsi mancare niente, il Prix De Ris-Orangis Gr3: risultato sesto e sesto.

Fine luglio e torna in patria in una maiden a Cork vincendo mai richiesto come un cavallo a mezzo deve fare. Poi ecco, finalmente, il suo primo handicap a Navan ma i 5 furlong risultano brevi visto che soffre tutti i parziali. Castrazione a fine anno e rientro dopo altri 265 giorni nell’Habitat Handicap al Curragh che stracorre finendo terzo. Draw 20 che potrebbe essere quella giusta, a quella quota ci proviamo. I Want to believe

Verdict: TORIVEGA e/w 20/1

5.40 GOLDEN GATE STAKES (Handicap class 2) 3YO METRI 2000

King’s Gambit era il nostro Nap del day 3 nelle Hamptoun Court che ancora ci sogniamo la notte. Stessa monta, stessi colori e stesso trainer di questo HAND OF GOD ma speriamo che questa volta il risultato sia decisamente diverso. Lo rivediamo in pista dopo la vittoria delle Esher Cup battendo, dandogli 1kg, Royal Supremacy che ha fatto un upgrade importante prima nel Derby Italiano (100 OR), e poi ieri con il terzo posto nelle King Edward VII Gr2 che calcoliamo in 104 di OR. Hand of God corre queste Golden Gate con 91 di rating e, teoricamente, ha circa 13 punti di OR in mano. C’è una controindicazione? si, la gabbia esterna.
E’ stata la mano di Dio

Verdict: HAND OF GOD 7/2 to win

6.15 QUEEN ALEXANDRA STAKES (CONDITIONS) 4+ METRI 4350

Five days too long e così ci avviamo stancamente all’ultima corsa del meeting ma che per noi è anche quella più bella e carica di fascino le, Queen Alexandra Stakes ovvero la corsa in piano più lunga del Regno Unito. La scommessa sicura era il ritiro di Trueshan mentre Aidan O’Brien prova a vincere le Queen Alexandra 16anni dopo Honolulu con Queenstown che per due volte ha seguito Kyprios e che si poteva giocare allegramente a 11/2 in antepost… ma tutta questa distanza la farà?

C’è un cavallo interessantissimo come Uxmal che ha preso una linea importante lo scorso anno nel Prix Scaramouche tra Al Nayyir e Caius Chorister ma il dubbio non viene tanto sulla distanza ma dal terreno scorrevole. Joseph O’Brien presenta anche il detentore del titolo Dawn Rising e proprio dallo scorso viene il nostro preferito RUN FOR OSCAR che riuscì a non trovare da correre per tutti i 4355 metri. Alleghiamo video sotto.
Nap of the day in the finale

Verdict: RUN FOR OSCAR to win 3/1

By Perizio

Related Posts