Royal Ascot day 2: Pronostici, Tips e grafici di tendenza

2.30 QUEEN MARY STAKES (GRUPPO 2) 2YO F METRI 1000 PISTA DRITTA

La cosa più importante di oggi sarà capire dove tirerà la pista visto che ieri siamo partiti stand side nelle Queen Anne per finire far side nelle King’s Stand. Le statistiche degli steccati delle ultime 30 edizioni non ci danno una grossa mano per sbrogliare la matassa anche se la sensazione è che oggi i numeri bassi potrebbe essere quelli giusti, vedremo.

Edizione delle Queen Mary 2024 ai limiti dell’indecifrabile dove si possono fare mille nomi e tutti giusti, dall’imbattuta Enchanting Empress (14/1), vincitrice delle National di Sandown (una corsa che in passato ha dato successivamente sei vincitrici di Queen Mary), fino alla Coolmoriana Truly Enchanting (7/1) che proverà a far vincere ad Aidan O’Brien una delle poche corse che mancano nel suo infinito palmares. Tanti nomi, dicevamo, come Ultima Grace (12/1) sellata da Wesley Ward (che di Queen Mary se ne intende) oppure quello di Kassaya (10/1), sorellastra di Chaldean, fino ad arrivare a una grossa quota come quella di Ametris (25/1), volante a Lingfield dopo un buon debutto a Newmarket.
Proprio da quella maiden sul Rowley Mile ci eravamo segnati in agenda l’esordio alquanto sfortunato di MISS RASCAL (8/1) poi subito a segno sul tracciato battendo facilmente quella Naana’s Diamond che abbiamo visto a San Siro. Dall’ampolla con i 26 nomi è uscito il suo.

Verdict: Miss Rascal e/w (8/1)
Lucky Stall: Englemere

3.05 QUEEN’S VASE (GRUPPO 2) 3YO METRI 2800

Higbury ci era piaciuto tantissimo nella maiden vinta a Leopardstown, tanto da segnarlo in agenda come possibile prospetto da Irish Derby. Il figlio di Galileo resta comunque iscritto nella classica irlandese ma ripensandoci la giubba Coolmore-Westerberg sarà già ben rappresentata a Dublino da Los Angeles. La via del Queen’s Vase, quindi, sembra quella giusta anche perché, storicamente, è una corsa che si presta ai poco esposti se non fosse che Ryan Moore ha scelto Illinois.
Il fratellastro di Danedream è sempre stato un cavallo piuttosto stimato, tanto da provare subito il Criterium di Saint Cloud appena due settimane dopo il debutto. Illinois, dopo l’esordio, ha sempre trovato sulla sua strada i terreni pesanti e poi il runner-up dell’Epsom Derby in quella pista assurda che è Lingfield in erba. Anche la tendenza della corsa riportata sotto non ci dà scampo e favoriscono il cavallo che Aidan & Ryan hanno sempre definito come “lovely horse”, speriamo che la scelta di Ryan sia solo per quello ma noi andiamo avanti con la nostra idea.
We’re the North Bank, We’re the North Bank, Higbury! intonavano i Gunners

Verdict: HIGBURY e/w (3/1)
Horse Trends: Illinois
Lucky Stalls: Illinois

TRENDS QUEEN’S VASE

3.45 DUKE OF CAMBRIDGE STAKES (GRUPPO 2) 4YO+F METRI 1600

Giocare Laurel è il cosiddetto atto di fede. Un atto di fede nei confronti di John Gosden (che ha vinto questa corsa quattro volte) e verso la qualità della cavalla che ricordiamo essere seconda di Sun Chariot ’22 e contro favorita delle Lockinge Stakes ’23.

L’obbiettivo della figlia di Kingman, dopo le Lockinge, dovevano essere proprio le Duke Of Cambridge saltate poi per un un infortunio che ai tempi era stato dichiarato piccolo (si parlava successivamente di Falmouth) ma che piccolo non doveva essere visto che la rivediamo in pista dopo un anno. Quindi controllare costantemente il market della portacolori Juddmonte perché secondo noi è la migliore del campo partenti nonostante ci sia dentro anche la vincitrice dello scorso anno Rogue Millenium che è rientrata nelle Lanwaders non trovando mai il varco. Quest’anno però la corsa si farà con la curva e per la neo portacolori di Scott Heider (che l’ha pagata 1,650.000 ghn lo scorso dicembre) forse non è il massimo. E quindi? e quindi visto che la magaggior parte delle altre partecipanti gradirebbe almeno un fondo soffice ritorniamo al punto di partenza…Keep the faith!

Verdict: Laurel e/w (9/2)
Horse trends: Laurel & Rogue Millenium

DUKE OF CAMBRIDGE TRENDS

4.25 PRINCE OF WALES’S STAKES (GRUPPO 1) 4YO+ METRI 2000

Quando in una corsa giochi in antepost Passenger, che poi le salta per un infortunio, e quindi pensi a White Burch come una valida alternativa, e neppure lui sarà della partita, allora vuol dire che quest’anno le Prince Of Wales’s Stakes le devi solo guardare. Certo, se piaceva White Burch, la soluzione più logica è li a portata di mano con il nome di Auguste Rodin con tanto di galoppino al seguito… ma che versione di Auguste Rodin sarà? Ogni tanto floppa in modo inspiegabile come nelle King George proprio qui, sulla pista. La quota non è che invogli ed Inspiral va sempre rispettata anche se non è molto piaciuta nelle Lockinge. E allora, come dicevamo, si può anche solo guardare e prendere appunti per il prosieguo della stagione e vedere come si comporta Alfaila al rientro (magari per l’Ebor meeting) mentre tra i francesi, dopo il prix d’Ispahan, preferiamo Blue Rose Cen ad Horizion Dore nonostante il terreno poco gradito.

Horse Trends: Auguste Rodin
Lucky Stall: Alflaila

TRENDS PRINCE OF WALES’S

5.05 ROYAL HUNT CUP (Heritage Handicap) 3YO+ METRI 1600 PISTA DRITTA

Ieri, nella presentazione delle Ascot Stakes, avevamo scritto che facevamo il tifo (purtroppo senza bettare) per il nostro trainer brittannico preferito Sir Mark Prescott e oggi, nel Royal Hunt, vediamo tra i partenti Coeur D’Or dell’altro nostro allenatore preferito, sponda irlandese, Dermot Weld. A dire la verità nella nostra agenda, dopo il rientro di Epsom, ci era finito l’ex Aga Khan Beshtani (10/1) ma non sappiamo se gradisca questo terreno.

Comunque sia resta una corsa ai limiti dell’impossibile, con 30 partenti sul miglio della pista dritta. Miglio della pista dritta di Ascot che Coeur D’Or (12/1) aveva già provato nel finale di stagione correndo bene le Balmoral ma su di un terreno veramente complicato. Dopo un rientro al Curragh sui brevi 6 furlong (e dove chiaramente finisce in crescendo) lo stregone irlandese lo ripropone e noi gli diamo fiducia con il classico “cippino”

Verdict: Coeur D’Or e/w 12/1.

5.40 KENSINGTON PALACE STAKES (Handicap) 4YO F METRI 1600 PISTA DRITTA

Un classe 2 per 0-105 rispecchia poco l’essenza del Royal Ascot. Passiamo.

6.15 WINDSOR CASTLE STAKES (LISTED RACE) 2YO METRI 1000 PISTA DRITTA

In agenda abbiamo Ain’t Nobody (14/1) dopo il bel debutto di Carlisle ma il dubbio più grande riguarda la draw (27) e quindi se la pista tirerà far side attenzione all’americano Cheval De Guerre (18/1) che corre con la lingua legata per la prima volta ed è velocissimo.

Verdict: Dutch Ain’t Nobody e/w (14/1) – Cheval De Guerre e/w (18/1)

Per il resoconto di tutti i tips, anche dopo il Royal Ascot, segui la pagina dedicata a questo link.

By Perizio

Related Posts