Royal Ascot day 1: Pronostici, Tips e grafici di tendenza

2.30 QUEEN ANNE STAKES (GRUPPO 1) 4YO+ 1600 METRI IN PISTA DRITTA

Pronti via e questo Royal Ascot inizierà con una sorpresa: la runner-up dello scorso anno Inspiral ha switchato nelle Prince Of Wales Gr1 lasciando via libera al compagno di colori Audience già vincitore, a sorpresa, delle Locking Stakes Gr1 da sempre la prova più indicativa per le Queen Anne. Robert Havlin, che monterà nuovamente il Cheveley Park, ha dichiarato che il cronometro non mente (terzo tempo di sempre nel Gr1 di Newbury) ma è altrettanto vero che il gatto De Sousa con CHARYN (che diciamo subito essere la nostra scelta) ha temporeggiato il più possibile aspettando Inspiral che, quel giorno, non avanzava di un metro. La tanto attesa pioggia che aspettava Big Rock non è arrivata e anzi annaffieranno per un terreno good to firm. Pioggia che avrebbe fatto comodo anche al Dark Angel del Kazhako Nurlan Bizakov anche se Il più grande dubbio che abbiamo su Charyn (che è un parco nazionale del Kazhakistan) è la fatidica corsa di troppo dato che è partito a metà marzo nelle Doncaster Mile LR. La storia del cavallo comunque ci rassicura visto che anche lo scorso anno fece lo stesso percorso arrivando alle St James’s Gr1 con tre corse nelle gambe.

Il cavallo dei trends (che ricordiamo essere un concentrato di dati sui passati vincitori della corsa) è Facteur Cheval che facciamo fatica a valutare, le buone linee inglesi dello scorso anno sono tutte sul terreno faticoso ma al rientro sul terreno scorrevole di Meydan ha vinto modo splendido le Dubai Turf Gr1. Jerome Reynier è bravissimo ed ha un buon feeling con Ascot almeno per quanto riguarda il giorno del Champions Day, bisognerà vedere al Royal Ascot. Per chi ama le sorprese ecco un ritrovato Royal Scotsman a quota golosa (20/1) e Maljoom, (quota in picchiata) che non è piaciuto molto nell’ennesimo rientro di carriera ma rimane ancora nella mente le St James’s ’22 perse in maniera tragica. Stavolta crediamo che il gatto De Sousa non si lascerà scappare via Audiance.
Don’t say cat if the cat not is in the sac

Verdict: CHARYN 3/1
Horse trends: Facteur Chaval
Lucky stall: Witch Hunter

QUEEN ANNE TRENDS

3.05 COVENTRY STAKES (GRUPPO 2) 2YO 1200 METRI IN PISTA DRITTA

Le Queen Anne ci daranno un indicazione determinante sulla fascia di terreno migliore anche se, statisticamente, sul terreno good/good to firm i numeri bassi dalla 1 alla 9 sono quelli più vincenti negli ultimi 30 anni. E’ incredibile che in una corsa di 23 partenti ci sia un cavallo così netto nelle tendenze come Camille Pissarro, il motivo è che il figlio di Wootton Bassett ha la “lucky stall” numero 2 (5 vincitori), ha il fantino più vincente delle ultime 30 edizioni della corsa (Ryan Moore) e il trainer con più vittorie nelle Coventry (10 Aidan O’Brien). Camille Pissarro, vincitore al debutto che per i Coolmoriani non è mai un dettaglio, era il favorito delle Marble Hill vinte dal portacolori della Amo Racing Arizona Blaze che invece sembra destinato a scorciare di furlong nelle Norfolk Gr2. Amo Racing che non finirà mai di stupirci e si presenta invece con un debuttante pagato 1 milione di euro di nome Angelo Buonarroti. La linea del Curragh è rappresentata anche da Midnight Strike, con quota in total drift forse per il suo pedigree tendente ai terreni soffici così come la genealogia dell’allievo di Aidan O’Brien.

Il giusto favorito della corsa è Cowardofthecountry, (neo acquisto Yankee) che al debutto ha fatto lo scalpo a un ottimo prospetto come Whistelejacket che sarà uno dei più attesi delle già citate Norfolk. Ma nelle Coventry si va più a sensazione ed impressioni visive e nella nostra agenda ci sono finiti il blue Al Quadra (che sembra ancora piuttosto “green”) ma soprattutto uno dei tre portacolori della Wathnan Racing CATALYSE. Il debutto su una pista stiff come quella di Hamilton ci è piaciuto veramente tanto e oggi ci dirà quanto sia buona quella impressione visiva. Supermarket Wathnan

Verdict: CATALYSE 12/1
Horse treding: Camille Pissarro
Lucky Stall: Camille Pissarro

COVENTRY TRENDS

3.45 KING CHARLES III (GRUPPO 1) 3YO+ 1000 METRI IN PISTA DRITTA

Una edizione delle King’s Stand (ribattezzate quest’anno King Charles III per celebrare il 75° compleanno del Re) che nei preventivi possiamo definire sotto standard per essere un Gr1, almeno per quanto per i rating precorsa, visto che il top rated è il 114 dell’italian bred, e vincitore di Sprint Stakes, Regional (figlio di Favulusa) seguito dai 113 del 3 anni Big Evs e di Diligent Harry. Alla fine Big Evs potrebbe e dovrebbe essere il favorito della corsa visto che in carriera ha già vinto al Royal Ascot le Windsor Castle a 2yo e in carriera ha steccato solamente le Nunthorpe contro gli anziani. Le Temple Stakes, una delle prove di preparazione storicamente più importanti per le King’s Stand, sono state vinte da Kerdos su un terreno molto soffice. Temple Stakes che vedevano al via anche l’australiana Asfoora che potrebbe migliorare tantissimo sul terreno odierno. Non avrà l’appeal degli Aussie passati dal Royal Ascot ma in tema di velocità vanno sempre rispettati.

Nella nostra agenda ci è finita BELIEVENG con la dicitura “potrebbe essere la cavalla per le Nunthorpe” ma invece Archie Watson, dopo appena 10 giorni, la presenta al Royal Ascot. La vittoria nelle Achilles Stakes (corsa vinta l’anno prima proprio da Regional) è stata impressionante e se non risente dell’impegno ravvicinato può fare molto bene. Quindi, secondo noi, Big Evs cavallo da battere ma la nostra giocata e/w va sulla Mehmas fidandoci di Archie Watson che questa corsa l’ha vinta lo scorso anno con Bradsell. Una giocata che intriga, magari solo piazzato nei 4, è quella di Twilight Calls (11/1) cavallo che se ne inventa sempre una per non vincere e te lo fa segnare sempre come buono per la prossima ma che la prossima non arriva mai. Come sempre correrà ai resti sperando che in avanti sbaglino qualcosa. Nonostante il portacolori della Cheveley Park non vinca ormai da due anni un Nature Strip all’orizzonte sembrano non esserci.
I Believe in miracles cantavano i Ramones.

Verdict: BELIEVENG (9/1) e Twilight Calls piazzato nei 4
Horse trends: Kerdos
Lucky Stall: Emaaraty Ana

KING CHARLES III TRENDS

4.25 ST JAMES’S PALACE STAKES (GRUPPO 1) 3YO 1600 METRI IN PISTA DRITTA

Fino a questo momento è la corsa dell’anno. C’è Notable Speech, imbattuto vincitore delle 2000 Ghinee Inglesi che si è già lasciato alle spalle Rosallion, vincitore a sua volta delle Irish Guineas e confermando al Curragh la linea di Newmarket battendo il neo acquisto Wathnan Haatem che molto probabilmente sceglierà la strada delle Jersey Stakes Gr3. Richard Hannon è sempre stato piuttosto “bullish” sulle potenzialità del suo Blue Pont e le Irish 2000 Guineas sono, negli ultimi anni, la prova che successivamente ha dato più vincitori di St James’s. Come se non bastassero due vincitori classici in una corsa eccone un terzo, il supplementato francese Metropolitan allenato dal nostro Mario Baratti e vincitore delle Poulains e proprio dalla classica parigina viene la nostra scelta HENRY LONGFELLOW. La facciamo breve, ci piace lui con la speranza che come il compagno di box City Of Troy riscatti, dopo un brutto rientro, l’impeccabile carriera giovanile. Aidan è sempre stato categorico nel programma del figlio di Minding, rientro nelle Poulains per presentarsi al top nelle St James’s e noi gli crediamo.
In Aidan we trust

Verdict: HENRY LONGFELLOW 4/1
Horse trends: Henry Longfellow
Lucky stall: Henry Longfellow

ST JAME’S PALACE TRENDS

5.05 ASCOT STAKES (Heritage Handicap) 4YO+ 4000 METRI

Per le Ascot stakes bisognerebbe guardare agli hunters e sopratutto ai trainer da National Hunt. Pied Piper però avrebbe gradito qualche goccia d’acqua e Willie Mullins, per quanto sia fenomenale, corre con 8lb più dalla parametrizzazione francese di My Lyka. Attenzione però perché il figlio di Intello corre con la lingua legata per la prima volta è ha un iscrizione all’Irish St Leger. Giocatissimo Zanndabab per il volo conclusivo nella Chester Cup vinta da Zoffee (sesto di Ascot Stakes lo scorso anno) e la punta lo ha eletto favorito piuttosto plebiscitario per una corsa così complicata. Per noi correrà bene Tenerife Sunshine ma la draw è veramente pessima e che se ne dica anche sui due chilometri lo steccato è determinante.

Gli Stayers riempiono i cuori e raccontano sempre belle storie, molti cavalli anziani vengono seguiti con passione anche senza la bet e uno di questi è The Grand Visir all’ennesimo Royal Ascot della sua carriera. Tifo che faremo ancje per il nostro trainer preferito Sir Mark Prescott con Pledgeofallegiance che con lo stallo 1 andrà in avanti con il fido Luke “the Sniper” Morris a macinare chilometri e selezionare la contesa. Ma la bet non ha cuore è la nostra scelta ricade su NUSRET che con quel peso (e per la qualità che possedeva in piano) può essere il classico cavallo scappato al rating e mettere tutti d’accordo.

Verdict: NUSRET 14/1

5.05 WOLFERTON STAKES (LISTED RACE) 4YO+ 2000 METRI

Nonostante le Wolferton siano una corsa che in passato ha riservato molte sorprese piacciono i più attesi come l’ennesimo acquisto Whatnan Torito (che al rientro di Nwemarket ha dimostrato di dover allungare almeno di un furlong) a Botanical in una corsa tanto cara a Roger Varian e ai colori giallo neri di Sheikh Mohammed Obaid Al Maktoum che da quando la corsa ha preso lo status di Listed in 6 edizioni ne ha vinte due. Il Lope De Vega ha stravinto al rientro di York sul buono nonostante la genealogia chiami ai fondi mossi come dimostrato ad Hamilton.


Veniamo poi a ISRAR che alla fine è un cavallo da gruppo che corre una listed a pari chili con gli altri e questo ci basta e ci avanza. Favorito delle Brigadier Gerard e delle Huxley battuto da quel Passenger che era uno dei più attesi delle Prince Of Wales fino ad un piccolo infortunio che, forse, lo costringerà a rientrare nelle Eclipse vs City Of Troy. Il problema del portacolori Shadwell è che ultimamente si è messo sulla difensiva una volta passato, vizio che aveva già palesato ad ottobre perdendo le Cumberland in modo assurdo. Dopo la campagna invernale nei paesi arabi John Gosden gli mette i blinker la prima volta nelle Gordon Richards ma il risultato è lo stesso: dominante per tutta la corsa e poi, una volta passato, si ferma. Lo ha fatto anche a Chester passando di slancio ma in quella occasione avrebbe perso comunque da un cavallo che crediamo uno dei migliori prospetti sui 2000 metri. Ribadiamo il concetto di essere un cavallo da gruppo in una Listed a pari chili con gli altri e nonostante sia una corsa caotica il cavallo si presta ad ogni evenienza tattica.
Jimbo.. wait to right moment

Verdict: ISRAR 7/2
Lucky Stall: Ouzo

6.15 COPPER HORSE (Handicap) 4YO+ 2800 METRI

Day 1 che si conclude con le Copper Horse, corsa relativamente nuova nel programma del Royal Ascot dove lo scorso anno c’era il banker of the day Vauban, un cavallo che in classe 2 non ci poteva correre. Quest’anno Willie Mullins presenta Belloccio, giocato a tutte le quote e già vincitore nella sua maiden hurdle a Punchestown. Belloccio era uno specialista del tracciato di Kempton andrà comunque sia visto ad Ascot. Attenzione a My Mate Mozzie che potrebbe essere il cavallo scappato al peso con Gavin Cromnwell che può vantare un 100% di strike rate al Royal Ascot visto che ha già vinto nella sua unica partecipazione al meeting reale. Per chi ama le quote grasse consigliamo un each-way di Party Central (12/1) figlio di Yeats che qui ha scritto la storia.

La nostra scelta è FOX JOURNEY e la monta di Ryan Moore dovrebbe essere piuttosto indicativa. Fox Journey è un classico prospetto alla Sir Michael Stoute che migliora con il passaggio di età, Il rientro a Newmarket è stato devastante e anche se gli è costato ben 9lb ma potrebbe avere ancora margini di progresso. Controllare il market

Verdict: FOX JOURNEY 5/1

By Perizio

Related Posts