Pisa: 16^ Ribot Cup a Davide Cirocca. Ecco cosa è successo nel pomeriggio

A Pisa, in un pomeriggio ricco, è andata in scena anche la sedicesima edizione della Ribot Cup, una manifestazione che in passato ha lanciato alcuni dei ragazzi più talentuosi del panorama internazionali, diventati poi professionisti esemplari.

Da qui sono passati infatti Umberto Rispoli (Santa Anita Derby), Cristian Demuro (Arc de Triomphe), Alberto Sanna (vincitore della prima edizione), Antonio Fresu (Golden Shaheen – Dubai) e Andrea Atzeni (vincitore di due edizioni), i francesi Flavien Prat (Kentucky Derby), Pierre Charles Boudot (Arc de Triomphe), Maxime Guyon (Prix du Jockey Club), gli irlandesi Padraig Beggy (Epsom Derby) e Shane Crosse (Prince of Wales’s Stakes a Royal Ascot).

La sedicesima edizione è stata vinta da Davide Cirocca, fantino emergente in Italia, che ha ottenuto una vittoria e due secondi posti nelle prove dedicate, che gli hanno garantito il primato della competizione. A seguire il podio, tutto italiano, è stato completato da Gioele Gungui (che lavora da Stefano Botti) e da Valerio D’Amico (che lavora da Gianni Colella a Roma). Nella competizione una vittoria anche per Malone Favriaux, 17 anni, allievo da Andre Fabre, figlio di Daniel che per anni ha lavorato in Italia.

Cirocca ha 20 anni, nato a Santa Teresa di Gallura, ed ha lasciato l’Italia per inseguire il suo sogno, quello di diventare fantino. In Francia dopo aver frequentato l’AFASEC ha iniziato a montare in corsa nel 2022 ma la prima vittoria è arrivata il 6 agosto del 2023, l’unica francese perché poi Davide ha iniziato a montare in Italia dove poi è tornato definitivamente per iniziare a lavorare con Marco Gasparini e Francesca Turri. Attualmente è terzo in classifica fantini in Italia, alle spalle di Dario Vargiu e Dario Di Tocco.

Qui sotto il video della rassegna.

In generale a Pisa c’è stata anche una maiden interessante che ha lanciato Nisida (Holy Ballet), e la condizionata per sprinters che ha visto la vittoria, la terza consecutiva, per Red Bourbon (Galileo Gold) che ha passato la sua vita a correre handicap di minima e corse a vendere, ma ha trovato un momento di forma talmente alto che si è portato a casa la condizionata sui 1200 metri.

By Gabriele Candi

Related Posts