Oisin Murphy alla corte degli O’Brien? Ecco gli scenari

Una notizia rimbalza dalle isole britanniche. Oisin Murphy si sta preparando per un cambiamento significativo nella sua carriera e parrebbe sia stato precettato per inaugurare una nuova partnership con la famiglia O’Brien per la nuova stagione. La collaborazione includerebbe il rapporto del 28enne irlandese non solo con Aidan O’Brien ma anche e i suoi figli Joseph e Donnacha, ed è una mossa strategica che potrebbe rimodellare la prossima stagione agonistica in Europa. 

Il coinvolgimento del tre volte champion jockey arriva in un momento in cui le alleanze tradizionali vengono rivalutate, offrendo a Murphy la possibilità di assicurarsi alcune delle corse più ambite della stagione. Al momento non c’è alcuna ufficialità perchè, per stessa ammissione dello stesso Oisin Murphy, la sua stagione 2024 resta ancora legata a quella di Andrew Balding, Qatar Racing e King Power ma, ha aggiunto, comunque sarebbe felice di collaborare quando necessario anche con i cavalli del top trainer irlandese, quando libero dai suoi impegni contrattuali.

Mosse strategiche e nuove alleanze: Ryan Moore rimarrà il fantino principale per i cavalli di alto profilo di Aidan O’Brien, ma il rimpasto delle partnership di fantini apre nuove possibilità per Murphy. In particolare, il trasferimento di Frankie Dettori in California e l’imminente collaborazione di James Doyle con Roger Varian lasciano un vuoto che Murphy è ben intenzionato a colmare. Questo cambiamento è sottolineato dalle dinamiche in evoluzione ed una di queste riguarda il veterano Seamie Heffernan, sempre meno utilizzato.

La decisione della famiglia O’Brien di abbracciare l’esperienza di Murphy sottolinea il loro impegno a mantenere una presenza dominante nelle corse dei cavalli. Considerando lo status di Aidan O’Brien in questo sport e la crescente reputazione dei suoi figli Joseph e Donnacha, l’inclusione di un fantino del calibro di Murphy è una testimonianza del loro approccio lungimirante. Questa alleanza è pronta a influenzare il panorama delle grandi corse e potenzialmente a spostare gli equilibri di potere all’interno di questo sport.

By Gabriele Candi

Related Posts