Longchamp: Nelle Poule D’Essai des Poulains scende in campo Henry Longfellow

Oggi tutti gli appassionati italiani avranno occhi per le Pouliches ma all’ippodromo di ParisLongchamp vanno in scena anche le 2000 Ghinee francesi con tredici purosangue al via e un favorito piuttosto netto in Henry Longfellow.

Il figlio di Dubawi e della campionessa Minding, che prende il nome dal poeta statunitense, aveva già il suo bel programma di rientro per tutto l’inverno e se vogliamo si trattava di “un piano B”. Non perché le Poulains siano meno importanti delle 2000 Guineas ma perché Aidan, alla fine, non ha mai voluto far scontrare i suoi imbattuti fuoriserie giovanili. Ma gli occhi dolci e le parole al miele di O’Brien sono state solo per City Of Troy e quindi, passata la stagione fredda, l’idea è sempre stata quella di far rientrare il figlio Justify a Newmarket con il pensiero ad Epsom mentre per Henry Longfellow si è sempre, costantemente, pensato Parigi.

Dopo che a Newmarket la città di Troia è stata conquistata senza battaglia padre Aidan è tornato sull’argomento Guineas dicendo che forse ha trattato per tutto l’inverno il suo pupillo come un Dio, e mentre adesso tutti si aspettano una redenzione di City Of Troy nel Surrey (come già successo con Auguste Rodin), zitto zitto e senza particolari titoloni sui giornali è arrivato il momento di Henry Longfellow, secondo nelle gerarchie stagionali. Il mago di Ballydoyle gli ha dato finora una carriera più casalinga, con un debutto a Dublino e una successiva, e facile, vittoria nelle Futurity Stakes Gr2 e concludendo, sempre al Curragh, la stagione giovanile con la vittoria di Gruppo 1 nelle Vincent O’Brien National Stakes.

Linee dei due anni che sono un po’ da tarare visto che Portland è poi quarto nel trial di Sandown ma dietro a quello che, al momento, è il favorito di Epsom Arabian Crown. Nelle National ha battuto agevolmente sia Bucanero Fuerte, che però non è ancora rientrato, sia Islandsinthestream (ora con il nuovo nome Stunning Peach a Hong Kong) che però a fine ottobre è stato runner up di Criterium International a Saint Cloud dietro a Los Angeles (che correrà oggi nel trial per il Derby di Leo) e davanti a Illinois recente secondo di Trial a Lingfield.

Oggi, a Parigi, Henry Longfellow, è il chiaro e netto favorito della corsa (5/4) davanti a Ramadan (6/1) e Beauvatier (8/1) anche se in ante post si poteva giocare un filo più alto visto finché era tra i 14 rimasti di Newmarket e vorrà dimostrare di non essere secondo a nessuno. Ma il dodicesimo è pur sempre un mestiere, un ruolo dove devi avere pazienza, pronto a subentrare cercando di non far rimpiangere il titolare e mettere in difficoltà l’allenatore per la prossima formazione.

The Long Fellow era anche il soprannome di Lester Piggott, forse il jockey più grande di tutti i tempi, che tra le miriadi corse di Gruppo 1 conquistate in carriera manca proprio la vittoria nelle Poule D’Essai des Poulains nel suo palmares.

By Perizio

Related Posts