Il bello della domenica: White Birch nuovo fuoriclasse, Mqse De Sevigne verso l’Arc

Il galoppo around the world, in una spremuta del meglio di quanto visto in questo fine settimana ed in particolare in una domenica davvero intensa su tanti fronti. La spremuta di galoppo parte dalla Francia, prosegue con l’Irlanda e si conclude con la Germania.

FRANCIA: A ParisLongchamp è andato in scena uno show messo in pista dalla femmina Mqse De Sevigne (Siyouni), allenata da Andre Fabre per i colori del Baron Edouard De Rothschild, che ha ottenuto la terza vittoria al massimo livello in carriera pizzicando anche il Prix d’Ispahan G1 contro i maschi sulla particolare ed unica distanza dei 1855 metri a Parigi. La 5 anni, pennellata dal sempre più convincente Alexis Pouchin, ha utilizzato tutto il percorso per resistere al finale di Horizon Dore (Dabirsim), finito vicinissimo, e Haya Zark (Zarak). Quinta Blue Rose Cen (Churchill) per Maurizio Guarnieri, ma a 2 lunghezze e mezza dalla vincitrice. Mqse de Sevigne, già rientrata con una vittoria lo scorso mese in Listed, ha messo nel suo palmares anche questo Ispahan dopo Prix Rothschild G1 e Prix Jean Romanet G1, ed ora punta decisa verso l’Arc de Triomphe G1 del 2024, in programma il 6 Ottobre. Per Mqse era la vittoria numero 6, con 7 piazzamenti in più, in 15 corse disputate. Sbocciata a 4 anni, dal 2023 non fa mai peggio del secondo posto. Un craque!

IRLANDA: In Irlanda due sono state le cose degne di nota al Curragh. Nella Tattersalls Gold Cup G1 ha mantenuto l’imbattibilità nell’anno il grigio White Birch (Ulysses), allevato dal Cheveley Park Stud, allenato da John Joseph Murphy e di proprietà di Mrs C C Regalado-Gonzalez che ha annichilito letteralmente Auguste Rodin (Deep Impact), lasciandolo a 3 lunghezze comode alle sue spalle. White Birch, che aveva in sella Colin Keane, quest’anno ha preso un grande ascensore sociale vincendo in Aprile in G3, replicando in G2 ad inizio Maggio e vincendo ora in G1 facendo lo scalpo di un pezzo grosso. È al momento uno dei cavalli più forti in Europa sulle medie/lunghe distanze. White Birch, venduto da foal per £75.000, è andato successivamente invenduto per £48.000 alle Tattersalls October Yearling Sale (Book 2) 2021.

Nelle 1000 Ghinee del Curragh, conferma per Fallen Angel (Too Darn Hot) che dopo il nulla di fatto nelle 1000 Ghinee di Newmarket da favorita, ha mantenuto stavolta le aspettative risolvendo di due lunghezze abbondanti nei confronti di A Lilac Rolla (Harry Angel) e Opera Singer (Justify). La vincitrice è allenata da Karle Burke, aveva in sella Daniel Tudhope ed è di proprietà della Clipper Logistics. Quanto ai Coolmore, è evidente un momento non esaltante di forma, ma quanto a Opera Singer bisogna attenderla più incisiva nelle Oaks sperando che finalmente parta ingranando la marcia successiva, la forma dei cavalli di Aidan O’Brien.

GERMANIA: Il fine settimana per Karle Burke è stato molto produttivo. Si, perchè poco prima del summit irlandese, si era tolto una bella soddisfazione a Düsseldorf nelle 1000 Ghinee tedesche, grazie a Darnation (Too Darn Hot) con la monta dell’olandese volante Adrie De Vries il training di Karl Burke e i colori della Newtown Anner Stud. Secondo posto per l’altra britannica Queues Likely (Massaat) mentre al terzo posto finisce un ottima Three Havanas (Havana Grey), che era finita sesta nel premio Regina Elena alle Capannelle alle spalle di Beenham.

A completare la lista delle corse imperdibili della domenica appena vissuta, va segnalato anche il ritorno alla vittoria per Wintertraum (Lord Of England) che dopo un rientro soft ed il forfait nel Derby di Capannelle, ieri a Düsseldorf ha risolto in scioltezza il 𝗠𝗲𝗿𝗸𝘂𝗿 𝗦𝗽𝗶𝗲𝗹𝗯𝗮𝗻𝗸𝗲𝗻 𝗗𝗲𝗿𝗯𝘆 𝗧𝗿𝗶𝗮𝗹 𝗟𝗶𝘀𝘁𝗲𝗱 sui 2200 metri, diventando il primo favorito per il Derby tedesco di Amburgo del 7 Luglio prossimo, superando nelle preferenze Borna, vincitore di Derby Italiano. Wintertraum in autunno aveva vinto il Gran Criterium G2 a San Siro battendo proprio Borna e Melfi, i due vincitori classici italiani, e quindi fa un po’ sorridere (sorriso amaro) che la Pattern di riferimento dei maschi di 2 anni dello scorso anno sia stata valutata come la peggiore delle ultime tre edizioni con un 99 di rating sul 105 richiesto, abbassando la media e rischiando lo status di Gruppo 2.

HONG KONG: Il giro del mondo, passando per il Giappone a cui abbiamo dedicato un post apposito qui sotto, si conclude con la vittoria di Rebel’s Romance (Dubawi) che a 6 anni ha completato la lista delle vittorie in giro per il mondo ottenendo ad Hong Kong una bella affermazione nella Standard Chartered Champions & Chater Cup G1, annettendo anche l’ex colonia britannica alle bandierine piantate in carriera dopo Inghilterra, America, Germania, Emirati Arabi, Qatar. Con William Buick in sella il castrone di Charlie Appleby e di proprietà Godolphin, ha raggiunto le oltre 7 milioni di sterline in somme vinte, frutto di 13 vittorie.

By Gabriele Candi

Related Posts