Free Nation domina il Premio dei Laghi. Chi è il nuovo fenomeno dello sprint in Italia

Il carnet dei velocisti italiani si arricchisce di un’altra forte, fortissima punta. Ne abbiamo percepito il baluginio nel mercoledì a San Siro, unica luce di un pomeriggio condizionata da forte pioggia battente che certamente ha condizionato il terreno diventato pesantissimo.

Free Nation (Siyouni), proprio nel giorno in cui le condizioni erano tutt’altro che favorevoli, ha disegnato un arcobaleno nel Premio del Laghi sui 1200 metri rivelandosi come ottimo prospetto. Certo, l’altra faccia della corsa è stata la cocente sconfitta del favorito Terrano (Vadamos) da cui si aspettava un ruolo da protagonista, ma il cavallo di Stefano Botti (come possibile prevedere dai trascorsi) non si è trovato a suo agio su un terreno nemmeno pesante ma praticamente paludoso.

Condizioni ideali invece per un figlio di Siyouni che nelle precedenti sortite italiane era stato vittima di vicissitudini tattiche e di partenza tutt’altro che favorevoli. Free Nation, in canter, ha battuto Innvincible Friend (Inns Of Court) e Patroclo (Exceed And Excel). Free Nation ha ottenuto un valore di 107 di Italian Post Rating (IPR), con una freccia verso l’alto, considerate le difficoltà di esprimere un giudizio chiaro in considerazione del terreno pesante.

Ma insomma, chi è il nuovo talento della velocità in Italia? Free Nation è un castrone di 3 anni ora allenato da Riccardo Santini per i colori della Eserebla, ma in Inghilterra era allenato da Charles Hills per i colori della Clipper Logistics, formazione ambiziosissima, per i quali aveva al massimo ottenuto una vittoria a Windsor nell’Ottobre 2023, prima dell’acquisto alle aste in training. In Italia ha ottenuto la prima vittoria al quinto tentativo. Le prime due volte ha corso con la curva, poi qualcosa di interessante si era visto a Roma alle spalle di Portomatto (purtroppo recentemnte deceduto a causa di una frattura mentre era in clinica), mentre nell’ultima occasione è partito senza staffe e in diagonale perdendo metri preziosi nella corsa che fu vinta da Terrano proprio su Portomatto. Quel giorno sarebbe potuto già essere protagonista ma ha dovuto attendere l’esame di San Siro per evidenziarsi.

La sua storia è quella di un cavallo di qualità che da yearling era passato al Book 1 di Tattersalls (una boutique di alta classe) quale figlio di Siyouni (Pivotal), stallone che funziona in Francia ad un tasso di monta di €200.000 peraltro già papà di Noble Title in Italia, e prodotto di una fattrice dello stallone veloce Royal Applause, e fu pagato £100.000 in quella circostanza. Dopo un inizio intermittente è passato sempre alle Tattersalls ma in Ottobre per le Autumn in Training ed è venuto via per £42.000 sotto lo sguardo attendo di un maestro come Riccardo Santini che con questo tipo di cavalli ha fatto sempre le scelte giuste. Basti pensare a tutte le sue creazioni nella carriera di allenatore serio e professionale.

Dove potrà arrivare Free Nation lo dirà solo il tempo, ma intanto le doti sono chiare e certificate. L’appuntamento, per lui, è ancora quello del Premio Tudini Listed sui 1200 metri di Roma il 19 Maggio 2024.

Qui sotto trovate il video ed il pdf sullo storico del Premio dei Laghi. In passato è stata vinta anche da Ghepardo Da Todi (Muhaarar), ora 5 anni, allenato da Cristiana Signorelli, che ha vinto nella stessa giornata il Premio Corso Buenos Aires per anziani poco dopo, ottenendo la settima vittoria in carriera e dando anche lui l’appuntamento al Tudini.

By Redazione

Related Posts